La confusione regna sovrana. Inchieste politico-mafiose, campagne diffamatorie, realtà imprenditoriali siciliane, politici siciliani e agrigentini. Sgarbi al pari di Sciascia!?

3 febbraio 2009

Sento il bisogno di rispondere a un commento (che riporto in fondo) dai contenuti diffusissimi tra la gente (a causa probabilmente della scarsa qualità dell’informazione).
Colgo l’occasione, quindi, per affrontare un po’ i temi di mafia, politica e informazione (sui quali c’è sempre confusione).

– Il lettore esordisce dicendo: “… ancora non avete capito che con la scusa della lotta alla mafia, che e’ giusto che si faccia,…”.
Ma come credi che vada fatta? La battaglia va fatta per vincerla e si vince solo se si mira alla testa, alla mente dell’organizzazione. O pensi, come la maggior parte dei politici e dei giornalisti servi del potere, che basti tagliar qualche ramo della manovalanza mafiosa? La storia insegna che da sempre le inchieste su mafia (e inevitabilmente politica) si perdevano e venivano elise nel momento in cui si salivano i vari piani della gerarchia (vedi, per citare un esempio noto, la storia del prefetto Mori ai tempi di Mussolini).
Oggi è lo stesso. Le inchieste su mafia e politica si cercano in tutti i modi di bloccarle, di soffocarle, di sopprimerle. Con campagne diffamatorie innanzitutto. Le reti Mediaset hanno fatto scuola. Oltre a Sgarbi (leggendario menzognere), a titolo d’esempio, vorrei ragguagliarti sugli attacchi studiati a tavolino da Liguori e il suo “Fatti e misfatti” per isolare Caselli e delegittimarlo, da un lato, e dell’altro portare sostegno al padrone screditando i processi ad Andreotti e Dell’Utri.
Possiamo citare anche un altro artista proclive ai falsi: Lino Jannuzzi (in linea con Liguori e Sgarbi anche nel caso del suicidio Lombardini). Non perderò tempo a citare tutte le sue menzogne. Ma, per restare in argomento, come non menzionare i suoi celebri attacchi a Falcone, così come quelli a Caselli? E non per niente giornalista preferito dai boss mafiosi (vedi intercettazioni Guttadauro-Aragona). E di stima, nelle stesse intercettazioni, gode anche un altro noto piaggiatore: Giuliano Ferrara.

– Altra frase nel commento: “svegliamoci siciliani onesti e riprendiamoci i nostri diritti”
Come ti “riprendi i tuoi diritti”? Attaccando come fa Sgarbi e i suoi compari i magistrati che combattono in prima linea la mafia?

La mafia è semplicemente e brutalmente uno dei modi in cui si manifesta il potere politico.
Esiste e continua ad esistere proprio perché connessa alla politica. Se fosse stata solo un’organizzazione di semplici criminali, magari con la passione per la cicoria e la ricotta, sarebbe stata debellata da più di un secolo.
Sgarbi & C. attaccano sempre le inchieste e i magistrati che indagano sulle relazioni politico-mafiose. Pensi lo facciano per difendere noi onesti cittadini? O difendono la casta? E guarda che le responsabilità del perchè la mafia è sempre in forma smagliante – risollevata da un periodo in cui era quasi stremata (ma anche questo meriterebbe altro approfondimento) – va trovata proprio in quelle istituzioni che non vogliono realmente combatterla, ma preferiscono conviverci! E farci affari.

– Le “realtà imprenditoriali siciliane”?
Perchè te la prendi con i “potenti del nord”? Quelli siciliani per primi non ti bastano? Secondo te come è possibile che nella mia città (Agrigento) nel 2009 manchi ancora l’acqua? Quanti sono i politici siciliani e agrigentini che ricoprono ruoli di altissimo livello al governo nazionale e regionale? Il nord c’entra poco. Le inchieste sulla mafia non c’entrano niente con il nostro mancato sviluppo. Quest’ultimo è probabilmente più collegato ai politici collusi con la mafia che non ai “signori potenti del nord”, come da tua definizione.
Inoltre, ti comunico che non c’è mai stato libero mercato in Sicilia. Non vi è economia democratica.
Come risulta da molteplici processi è tutto controllato dalla mafia. Vuoi per caso che non vengano fatti neanche questi processi? Pensi che così gli imprenditori del nord vengano a portar benessere qui? E una volta arrivati qui, con chi pensi dovranno fare i conti?
Tu non puoi entrare, qualora lo volessi, nel mercato se prima non chiedi il permesso a Cosa nostra o se appena inizi ad acquisire quote di mercato (anche minime) non ottieni da loro la messa a posto, l’autorizzazione et similia.
Non è la guerra alla mafia che fa sì che si manifesti questa realtà.

– A proposito delle “guerre tra le procure”.
In questo caso sarò brevissimo. Non vi è stata alcuna guerra tra procure. Tutto montato ad arte per annullare quelle inchieste e quei magistrati. La procura di Salerno ha agito secondo legge. Quella di Catanzaro no. Il problema è che Salerno aveva trovato riscontri alle denunce di De Magistris. E il “sistema” non può permettersi che si sappia che De Magistris aveva ragione, che stava agendo secundum legem, che era suo dovere farlo, e che è stato allontanato per il suo “non allineamento”. E allora: “guerra tra procure”! Così il cittadino non capisce niente.

– E gran finale: “bravo Sgarbi che dice il giusto al pari di Sciascia siciliano DOC”.
Premesso che accostare Sgarbi a Sciascia è un’offesa per lo scrittore scomparso.
Sciascia va ricordato per quei romanzi coi quali denunciava (come anche Pasolini) la progressiva mafiosizzazione dello stato. Fotografava la realtà evidente ai più, ma che non emergeva come verità comune e verità processuale. Metteva in luce che non vi poteva esser giustizia contro i crimini del potere. Che i pochi volenterosi, in cerca di verità e giustizia, alla fine venivano uccisi o trasferiti. O non gli era possibile dimostrare i fatti a causa dei depistaggi e degli insabbiamenti che avvenivano per mano delle istituzioni stesse. La storia è sempre quella: impunità assoluta per i potenti e pugno fermo per il quisque de populo.
Diceva Sciascia nel 1979 in una celebre intervista: “i cittadini che fanno il proprio dovere, innanzitutto come semplici contribuenti, si vedono regolarmente presi in giro prima e ridicolizzati poi […] perchè quelli che frodano il fisco vengono poi premiati con le leggi di perdono fiscale che costituiscono una esortazione e un incoraggiamento al non rispetto della legge, a essere un cattivo cittadino.”
(Piccola riflessione: ma come mai il re dei condoni fiscali da noi è tanto amato?)
Ed ancora, nella stessa intervista: “Quali garanzie offre questo Stato […] per quanto attiene all’applicazione del diritto, della legge, della giustizia? Quali garanzie offre contro […] l’abuso di potere, l’ingiustizia? Nessuna. L’impunità che copre i delitti commessi contro la collettività e contro i beni pubblici, è degna di un regime di tipo sudamericano: neppure uno dei grandi scandali scoppiati in trent’anni ha avuto un chiarimento, nessuno dei responsabili è stato punito”.
Sono passati quasi altri trent’anni e quegli scandali a cui si riferisce sono ancora lì. Anzi, purtroppo, se ne sono aggiunti altri ancor più tragici e gravi.
Il celebre articolo al quale penso tu ti riferisca, quando accosti Sciascia a Sgarbi, è stato invece un episodio infelice e ha scaturito quello che lo scrittore racalmutese forse non aveva previsto.
E’ chiaro che quest’articolo è stato astutamente sfruttato dai nemici del pool.
Pensa un po’ al nefasto esempio indicato dallo scrittore col quale si mostrava il giudice Paolo Borsellino personaggio che faceva carriera soltanto perché si occupava di mafia.
Segnalo comunque che Sciascia tempo dopo ha avuto l’occasione di parlare proprio con il summenzionato giudice. Lo scrittore cambiò idea poco tempo dopo e racconta di essere stato travisato. A riguardo vorrei segnalare quest’articolo-intervista a Paolo Borsellino (risalente all’agosto del 1991). http://www.cuntrastamu.org/mafia/speciali/falcone/borsellino1.htm
Lo scrittore racalmutese criticava chi in quel periodo cavalcava l’onda dell’antimafia per esclusivo tornaconto personale; avvertiva il pericolo “antimafia come strumento di potere”; paventava che qualche politico o magistrato, non animato da buone intenzioni, potesse profittarne. Esclusivamente per interessi personali. (Mi vien da pensare al primo periodo, alla cosiddetta discesa in campo, dell’attuale presidente piduista che fu abilissimo a cavalcare l’onda di tangentopoli – e della pulizia dell’allora criminale classe dirigente – dichiarandosi apertamente a favore dei giudici, ai quali comunicava che il sostegno da parte del suo schieramento non sarebbe mai mancato. Per le risate, vi prego, trattenetevi.)
Oggi, come allora, le parole di Sciascia vengono strumentalizzate da quanti hanno soltanto l’intenzione di fermare giudici che fanno il loro dovere. Giudici che non fanno di certo carriera con l’antimafia, ma anzi rimangono isolati dal loro stesso ambiente. Messi sotto pressione dalla stampa e dai politici. Ricattati, intimiditi, minacciati di sanzioni. Quando non vengono uccisi.
Dato che è dimostrato che non si fa carriera con l’antimafia, qualcuno sa spiegarmi chi glielo fa fare? Lo stipendio lo prenderebbero in ogni caso. Perché rischiare tanto?
Concludo dicendo che dopo la rappacificazione tra Borsellino e Sciascia, l’ultima considerazione che ebbe Borsellino in merito a quell’articolo apparso sul Corrire nell’87, fu di ben altro tipo.
Va infatti ricordato cosa disse il magistrato il 26.06.92 (un mese dopo la strage di capaci e meno di un mese dalla sua): “Giovanni ha cominciato a morire tanto tempo fa. Questo paese, questo Stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro, cominciarono a farlo morire nel gennaio 1988, quando gli fu negata la guida dell’Ufficio Istruzione di Palermo. Anzi, forse cominciò a morire l’anno prima: quando Sciascia sul “Corriere” bollò me e l’amico Leoluca Orlando come professionisti dell’antimafia” .

Segnalo infine l’articolo di Nando Dalla Chiesa: Sciascia, perché non mi pento

Ecco il testo del commento di un certo Max:
bravi , svegli direi, ancora non avete capito che con la scusa della lotta alla mafia, che e’ giusto che si faccia, i signori potenti del nord hanno indiscriminatamente fatto fuori quasi tutte le realta’ imprenditoriali siciliane , oneste e disoneste.Se e’ questo il prezzo da pagare io non ci sto, e non dovreste accettare neanche voi , perche’ dobbiamo andare al nord per lavorare, perche’ al sud i signori potenti non ci hanno fatto fare neanche una ferrovia del ca….. che possa essere definita decente mentre loro hanno i treni ad alta velocita’, e chio ha detto che la magistratura dia sentenze giuste? i fatti degli ultimi tempi con le guerre tra le procure non vi dice niente?
svegliamoci siciliani onesti e riprendiamoci i nostri diritti di uomini normali non mafiosi tutti da dominare con il bastone , bravo sgarbi che dice il giusto al pari di SCiascia siciliano DOC , SVEGLIAAAAAAAA

Annunci

Ogni tanto qualcuno alza la testa. Sgarbi contestato ad Agrigento.

31 dicembre 2008

Ecco il video della contestazione a Vittorio Sgarbi avvenuta ad Agrigento.
Come si sente dal filmato non ci sono “pesanti offese” – come la stampa sta raccontando – ma richiami a fatti accertati con sentenza definitiva.
E’ interessante, per rendersi conto della signorilità di Sgarbi, ascoltare la voce della ragazza, più che altro le grida, a causa della stretta alla gola portata da Sgarbi. Accecato dalla voglia di prenderle la telecamera!

Ogni tanto qualcuno alza la testa. Sgarbi contestato ad Agrigento.

Vittorio Sgarbi, ieri ad Agrigento in occasione della presentazione del suo libro, ha trovato un’accoglienza che quasi sicuramente non avrebbe mai potuto immaginare.
Nella terra del sonnecchio dell’anima e della migliore deferenza verso le scelte dei potenti, ecco che un piccolo gruppo di giovani, armati di telecamera, di informazione consapevole e di insofferenza alla volgarità e all’arroganza del potere, dice che non ci sta.
Dopo aver preso posto, le prime parole di Sgarbi di fronte la platea – riferite al centro commerciale “Le vigne” – sono: “centro di merda”! Per la serie: la classe prima di tutto! (Qualcuno gli batte anche le mani. Me io non conosco nessuno in zona che non sia andato in quel centro.)
Le prime parole di uno dei giovani sono: “bravo il volgare Sgarbi, pregiudicato e volgare”.
Il giovane prosegue ricordando all’illustre convitato e alla gente curiosa di vedere un vip (qualcuno ha detto di esser in quel luogo per questo motivo) che l’On. Sgarbi è semplicemente, e secondo la Corte di Cassazione, un pregiudicato per truffa aggravata e continuata e falso ai danni dello Stato.
Si scaldano gli animi.
In aggiunta ricorda anche le sue varie diffamazioni ai danni del procuratore Caselli e del pool antimafia di Palermo. Per chi non sapesse i fatti a cui si riferisce il giovane provo a riassumerli.
Vittorio Sgarbi nel 1995 lesse una lettera anonima sulle reti Fininvest, nella quale venivano attribuite frasi a don Pino Puglisi dalle quali si evinceva chiaramente che il procuratore della Repubblica di Palermo di quel tempo (Gian Carlo Caselli) odiava i siciliani ed era anche il mandante morale dell’omicidio dello stesso sacerdote antimafia.
Per queste affermazioni Sgarbi viene condannato dal Tribunale e dalla Corte d’Appello. In Cassazione si salva grazie alla prescrizione. Ma i fatti restano accertati.
In merito al “viva il pool antimafia” bisogna ricordare ai lettori la condanna definitiva, a carico dello Sgarbi, per diffamazione aggravata ai danni del pool guidato da Caselli (in merito alle false accuse di attività politica della procura, all’uso di inchieste non contro la mafia ma contro lo Stato, e in merito all’accusa di esser responsabili del suicidio del procuratore Lombardini).
Sebbene i modi di fare, accesi, del giovane possano sembrare forti nei toni, la reazione dei presenti è stata sproporzionata. Del resto il ragazzo era armato soltanto di volantini menzionanti le suddette condanne.
Le forze dell’ordine intervengono spintonando, strapazzando, minacciando chi aveva solamente esercitato un diritto, quello di critica e di dissenso motivato. Altra gente si diverte ad insultare, scalciare e spintonare. Qualche voce invocava la non violenza e il fatto che dopotutto i giovani dissenzienti non avevano fatto niente di male. Sgarbi riesce finanche ad afferrare per la gola la ragazza che stava riprendendo la scena e ordinava agli addetti alla sicurezza di prenderle appunto la telecamera.
Il ragazzo che aveva osato criticare l’esimio ospite d’onore viene rinchiuso per più di un’ora in uno stanzino. Hanno controllato i suoi documenti in continuazione. Altro che antiterrorismo! Le forze dell’ordine qui sono efficientissime.
Inoltre è da segnalare il censurabile comportamento di agenti in borghese che negano di riferire le proprie generalità. Questi signori di fronte a tale richiesta non possono evaderla rispondendo semplicemente “siamo delle forze dell’ordine”. E se il cosiddetto agente commette degli abusi? E’ ovvio che intende nascondersi e tutelarsi, preventivamene e consapevolmente, con l’anonimato. Ma questo, scusate, non è più uno stato di diritto.
Tra l’altro, le forze dell’ordine, alla richiesta da parte del giovane di un avvocato, rispondono che non si merita nessun avvocato e deve solo stare in silenzio. Roba da non credere! Sempre allo stesso ragazzo – secondo il suo racconto – viene comunicato, da parte di un vigile, che se quest’ultimo fosse arrivato a prendere la ragazza che filmava, le avrebbe dato un pugno tale da mandarla in ospedale. Inoltre, nello stanzino, insistevano per far sì che chiamasse i suoi amici con le telecamere (erano due i ragazzi che filmavano).
Come mai questo forte interesse da parte di Sgarbi e delle forze dell’ordine a metter le mani su quei video?
Per completare il quadro va segnalato che oltre alle forze dell’ordine, a difendere il pregiudicato (ormai buttatosi nel parapiglia) dagli incensurati, ecco i soliti “bravi” di manzoniana memoria sempre pronti ad insultare, minacciare e spintonare.
Questo è il prezzo che bisogna pagare per esercitare i diritti sanciti nella nostra Costituzione. Diritti che non servono a niente finché restano sulla carta e non vengono messi in pratica dai cittadini. Ma ancora il cittadino non sa di esser tale. Spesso è un suddito. Indifferente. Compiacente.


salvo tgweb

28 dicembre 2008

Il sito è attivo su http://tgweb.ilcannocchiale.it


Bel riassunto sull’anomalia italiana!

25 giugno 2008


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi, d’alema, bicamerale, giustizia, conflitto d’interessi, magistrati, anm, previti, 1994, processi,


Mafia Style

15 aprile 2008

Mafia Style

L’altroieri, mentre Uòlter perdeva tempo a scrivere al Cainano per invitarlo a giurare “lealtà repubblicana” alla Costituzione e all’unità nazionale,il Financial Times impiegava 15 parole 15 per spiegare chi è Berlusconi e perché non potrà mai firmare altro che bilanci falsi, finti contratti con gli italiani, cordate fasulle per Alitalia, perizie psichiatriche per i pm, leggi canaglia, ingiunzioni di sfratto per il capo dello Stato, cause di beatificazione per gli amici degli amici: il Cavaliere è “un populista vanitoso entrato in politica per evitare i tribunali e proteggere i propri interessi”. Punto e fine. Lui, del resto, non ha mai fatto nulla per sembrare diverso da quel che è. Sono quelli che lo circondano e gli si oppongono (almeno in Italia: all’estero non funziona) che fingono di non capire. E, a ogni sua uscita in difesa degli evasori fiscali, dei mafiosi, dei tangentari, dei furbetti e furboni della finanza, parlano di “gaffe” o lo invitano a “moderare i toni” o addirittura a schierarsi dalla parte della legalità e della Costituzione. Mettiamoci nei suoi panni: ma perché mai dovrebbe farlo? La Costituzione, da lui definita “di stampo sovietico” e poi devastata con la controriforma dei “saggi” della baita (tra cui Calderoli), è stata finora il principale ostacolo alle sue mire: ha consentito al Quirinale e alla Consulta di bocciare le sue leggi più incostituzionali, ha impedito l’asservimento di procure e tribunali al governo, ha neutralizzato le fregole separatiste padane. Che dovrebbe dire Berlusconi: che gli piace la Costituzione? Cantare l’inno di Mameli, così gli scappa Bossi? Celebrare la Resistenza, così gli scappano la Ducia e Tilgher? Sarebbe come chiedere a Dell’Utri di parlar male della mafia: cannibalismo puro. Ma scusate: uno fa amicizia con una ventina di mafiosi, li riceve a casa e in ufficio, si fa mandare le cassate a Natale per sé, per Silvio e per Fedele, li incontra anche mentre inventa Forza Italia, viene eletto anche grazie ai loro voti, e poi che dovrebbe fare? Sputare nel piatto in cui mangia? Parlar bene dei pm e dei pentiti? Se Mangano avesse parlato, come han fatto molti suoi colleghi mafiosi, Dell’Utri e Berlusconi non sarebbero lì a fare comizi. Che dovrebbero fare, se non portargli eterna gratitudine e ricordarlo nelle preghiere? L’unica Resistenza che sta loro a cuore è quella dei mafiosi in carcere. E bene fanno a non nasconderlo, visto che nessuno domanda cosa avrebbe, potuto raccontare Mangano, nessuno ricorda loro che il mafioso che non parla si chiama “omertoso”, non “eroico”. Chi seguita a scambiarli per statisti o bibliofili ci rimane di stucco quando li sente beatificare un boss sanguinario, condannato per mafia, traffico di droga e tre omicidi, fra l’altro scomparso 8 anni fa. Ma chi li conosce dovrebbe meravigliarsi se non lo facessero. In queste elezioni s’è aperta in Sicilia una certa concorrenza nella corsa al voto mafioso: Cuffaro è una calamita naturale, Lombardo manda messaggi separatisti da sempre molto graditi alle cosche. Meglio rammentare ai picciotti che il marchio doc è sempre lo stesso: diffidare delle imitazioni. Quelle di Berlusconi contro i pm e di Berlusconi e Dell’Utri contro i pentiti e in difesa dei boss irriducibili sono tra le pochissime parole logiche e coerenti della campagna elettorale. Parole già dette mille volte, che sgorgano dal profondo del cuore, e del portafogli. Solo un marziano se ne meraviglierebbe. Infatti Pigi Battista è meravigliato: l’altroieri ha scritto sul Corriere (dove pochi giorni prima Sartori criticava l’incredibile buonismo del Pd con Berlusconi) un articolo con l’estintore per spegnere “il linguaggio esasperato e parossistico” e la “brutta caduta di stile” del duo Silvio& Marcello che rischia di riaprire la fantomatica “guerra fra politica e giustizia”. Ma qui non è questione di stile o di linguaggio o di toni. Ma di sostanza. Quando attaccano il Colle o elogiano il boss o annunciano la cancellazione della Resistenza dai libri di storia o invocano il manicomio per i magistrati (salvo, si capisce, quelli che si vendevano la sentenza Mondadori), Silvio&Marcello sono composti e sorridenti. Il problema è quel che dicono e fanno, non come.

MARCO TRAVAGLIO – l’Unità (11 aprile 2008) – ULIWOOD PARTY


Mangano: se un mafioso diventa eroe. …Il segnale è arrivato, il patto è rinnovato!

11 aprile 2008

I politici parlano tanto e cercano di raccogliere voti anche negli angoli più sporchi della Sicilia. Sono pronti a tutto. A stringere accordi con la mafia, anche se pubblicamente devono scagliarsi contro Cosa nostra o le altre mafie. Insomma, a parole sono tutti bravi. Molti politici, della legalità, dell’etica e della giustizia però non vogliono saperne nulla, perché sono elementi che non portano voti. La mafia, invece, sì.

Quando Silvio Berlusconi è arrivato in Sicilia domenica 6 aprile, qualcuno gli ha suggerito che era opportuno – per una questione mediatica – che dal palco di Palermo e poi da quello di Catania, qualcosa contro la mafia era opportuno che la dicesse. Al cavaliere questa parola “mafia” non va proprio giù e da tempo non riesce a pronunciarla. Forse per questo ha pensato bene di dire che “tutti i voti al PdL saranno utilizzati contro la criminalità organizzata”, che è molto diversa da Cosa nostra. Alcune ore dopo, al termine del pranzo, interpellato dai giornalisti che si chiedevano come mai non avesse pronunciato la parola mafia, il cavaliere ha specificato: “Per quanto riguarda la Sicilia, i voti al Pdl saranno usati contro la mafia; nelle altre regioni contro ‘ndrangheta, Camorra e Sacra corona unita. Così mi sembra di essere molto chiaro”. Chiarissimo. Anche per i boss.

In Sicilia si vive di segnali, e le parole vengono pesate. E a Berlusconi in passato qualcuno glielo ha spiegato bene.
La mafia è mafia proprio perché ha contatti con i politici, altrimenti sarebbe solo “criminalità organizzata”. Ma l’uscita pubblica del cavaliere in Sicilia sembra non essere piaciuta a qualche suo amico vicino alle cosche. E così, per equilibrare le cose, Marcello Dell’Utri è corso subito ai ripari, parlando contro i collaboratori di giustizia, ricordando che il fattore della villa di Arcore di Silvio Berlusconi, il boss mafioso Vittorio Mangano, era stato “un eroe”. Il messaggio è lanciato. Si corre ai ripari e forse alla chiamate alle armi. Dell’Utri ancora una volta tende una mano a Cosa nostra. Ma i “picciotti” siciliani sembrano non essere ancora contenti dello sgarbo che è stato loro fatto il 6 aprile e per questo il cavaliere torna a parlare di Mangano, appoggiando ciò che aveva detto il suo consigliere e amico Dell’Utri.

Alla luce di tutto ciò mi chiedo se può mai essere coerente l’atteggiamento di una persona, in questo caso Berlusconi, che prima grida contro le mafie e poi sostiene e difende un capomafia, un sicario delle cosche, un trafficante di droga, un riciclatore. Si può mai sostenere un leader politico che considera eroe un mafioso, un uomo che si è macchiato le mani del sangue innocente di siciliani assassinati perché vittime di guerre fra clan, che propone per i magistrati test per la salute mentale e si scaglia contro i collaboratori di giustizia? Può mai un politico che si circonda di amici vicini a Cosa nostra, alla ‘ndrangheta, alla camorra, avere la fiducia dei cittadini? Possono le mafie, ancora oggi, dopo l’uccisione di magistrati, esponenti politici, sindacalisti, sacerdoti e giornalisti, avere la meglio sulla democrazia e sostituirsi all’insieme dei fini cui tende un governo, un partito?

Intanto il Meridione soffre e si piega alla supremazia delle mafie e dei collusi con essa. Mentre diversi politici continuano a finanziare le organizzazioni criminali con l’acquisto di cocaina per uso personale.

di Lirio Abbate

da: http://www.articolo21.info/


2 aprile 2008
Casta stampataL’altro giorno, riuscendo a restare serio, il Cainano ha comunicato: «Io sono l’editore più liberale della storia della carta stampata», da Gutenberg in avanti, Alla domanda «chi lo dice?», ha risposto: «I miei collaboratori». Cioè i suoi dipendenti. La scena ricorda gli applausi di Fantozzi, di Filini e dell’intero Ufficio Sinistri al megadirettore galattico che organizza visioni multiple obbligatorie della Corazzata Potemkin la sera della flnalissima dei mondiali di caldo. Illustrando poi il suo personale concetto di stampa libera, l’editore più liberale della storia ha di nuovo chiesto la cacciata di Santoro per «uso criminoso della tv» e si è detto «deluso dai giornali su cui ha influenza la Fiat: Montezemolo poteva muoversi in modo diverso, a direttori e giornalisti bisogna dire di stare di qua o di là». Cioè: Montezemolo l’ha deluso perché lascia troppo liberi i suoi giornali. Infatti lui ha ingaggiato Ciarrapico perché «ci servono i suoi giornali». I giornali, com’è noto, non servono a dare notizie, ma a far vincere le elezioni. Possibilmente a lui. Il nostro sistema dell’informazione, che alle persone normali appare come il più servile, censurato e comatoso del mondo, a lui sembra ancora troppo sbarazzino, corrosivo. Ma ci sta lavorando. L’altro giorno, per esempio, mentre lui tuonava preventivamente contro «i brogli della sinistra», due presidenti di seggio finivano in galera per i brogli di Forza Italia alle comunali di Palermo contro Leoluca Orlando. Ma, a parte qualche breve di cronaca, stampa e tv non se ne sono nemmeno accorte. Intanto a Milano venivano condannati in appello la sua segretaria Marinella Brambilla e il suo assistente Niccolò Querci: 1 anno e 4 mesi per falsa testimonianza. Cioè per aver mentito sotto giuramento ai magistrati, negando l’incontro dell’8 giugno 1994 a Palazzo Chigi tra l’avvocato Fininvest Massimo Maria Berruti e l’allora premier Silvio Berlusconi. Subito dopo quella visita, Berruti depistò le indagini sulle mazzette Fininvest alla Guardia di Finanza, promettendo l’eterna gratitudine del Cavaliere ai finanzieri corrotti che avessero taciuto sulle tangenti del Biscione. Poi si difese in tribunale sostenendo di aver inquinato le prove «per tutelare la stabilità del governo». Condannato a 8 mesi per favoreggiamento, fu premiato con un seggio alla Camera: ora è ricandidato per la quarta volta e verrà presto raggiunto da Salvatore Sciascia, l’ex capo dei servizi fiscali Fininvest, condannato per aver corrotto i finanzieri, new entry delle liste del Pdl. La notizia della condanna di due dei pochissimi collaboratori del Cainano rimasti finora incensurati ha riscosso enorme successo presso la stampa e la tv: nemmeno una parola al Tg1, Tg2, Tg3, Tg4, Tg5, Studio Aperto, TgLa7; manco una sillaba sui giornali, a parte una breve di 21 righe sul Corriere. Lo stesso giorno la Marcegaglia Spa, il gruppo della meravigliosa Emma, neopresidente di Confindustria, patteggiava 500 mila euro di pena pecuniaria e 250 mila di confisca, e la sua controllata NE Cct Spa altri 500mila euro di pena e5 milioni di confisca, mentre il vicepresidente Antonio Marcegaglia (fratello della Emma) si beccava 11 mesi per corruzione: nel 2003, infatti, Marcegaglia Spa pagò una mazzettona di 158 mila euro al manager Enipower Lorenzo Marzocchi per un appalto di caldaie di 127 milioni. Una notizietta da niente, se si pensa che Confindustria espelle gli imprenditori che, minacciati anche di morte dalla mafia, si piegano a pagare il pizzo (dunque, per la legge, sono vittime di estorsione). Che intende fare, invece, l’associazione presieduta da Emma Marcegaglia contro il gruppo Marcegaglia che pagava tangenti senz’alcuna costrizione né minaccia, sol per arraffare appalti in barba alla libera concorrenza? La domanda non si pone neppure, perché nessuno – a parte 20 righe sul Corriere 7 e mezza sulla Stampa- ha dato la notizia. Per fortuna, in tanta desolazione, il giornalismo d’inchiesta sopravvive almeno su un quotidiano: il Giornale. Ieri l’house organ berlusconiano sparava in prima pagina una grande inchiesta dal titolo promettente: «Ecco l’Italia degli indegni. Top manager, fannulloni, giudici: vi sveliamo l’altra casta, quella di chi guadagna troppo e fa carriera ingiustamente». Inchiesta affidata a Vittorio Sgarbi, condannato definitivamente per truffa ai danni dello Stato per aver lavorato 3 giorni su 3 anni alla Soprintendenza di Venezia. Uno che, in fatto di indegni e fannulloni, è un’autorità di livello mondiale. Prossima puntata: un’inchiesta sui politici che prendono l’ambulanza al posto del taxi, a cura di Gustavo Selva.

l’Unità (1 aprile 2008)
ULIWOOD PARTY
MARCO TRAVAGLIO